Arrivo
Partenza
Previsioni meteo
Domani lunedì martedì
B Q H
10 / 27° 11 / 25° 11 / 26°
altri informazioni
Last Minute: Weekend romantico e benessere in Alto Adige Lastminute
Calendario
04.05.18 - 06.05.18
A persona da € 412,-

Alto Adige: il paradiso delle vacanze

Alcune notizie sull’Alto Adige

Godetevi il lato assolato della vita durante le vostre vacanze in Alto Adige – nel vero senso della parola! L’Alto Adige si trova sul versante meridionale delle Alpi ed è la provincia più settentrionale dell’Italia. L’Alto Adige gode di un clima mite mediterraneo che vi accompagna per tutta la durata delle vostre vacanze.

stripe

Storia dell’Alto Adige

La storia dell'Alto Adige inizia nel 1919. Alla fine della I guerra mondiale, a novembre del 1918, è firmato un cessate il fuoco tra l'impero austro-ungarico e l'Italia. L'area a sud del Brennero si distaccava dal Tirolo austriaco ed era assegnato all'Italia. Nel 1922, con l'avvento al potere dei fascisti sotto Benito Mussolini, in Italia inizia una sistematica italianizzazione dell'Alto Adige. Fu vietato il nome Tirolo, utilizzato per la prima volta nel 1271. Tra il 1923 e il 1925 l'italiano è diventata la lingua ufficiale e la sola lingua autorizzata. Nel 1928, dieci anni dopo la fine della I guerra mondiale inizia la seconda fase di italianizzazione e a Bolzano è eretto un grande monumento alla Vittoria. Durante la II guerra mondiale l'Alto Adige è occupato dai tedeschi. Molti giovani altoatesini sono arruolati dalla Wehrmacht e combatterono a fianco dei tedeschi, più di 8000 morirono. Nel 1945 l'Alto Adige è occupato dagli Alleati. Nello stesso anno, nasce il Partito Popolare Suditirolese (SVP), che si batte per l'autodeterminazione del paese. Fino a oggi, il SVP ha la maggioranza nel Landtag dell'Alto Adige. Tra il 1956 e il 1960 si sono svolte molte trattative fallite tra l'Italia e l'Austria. Nel 1969 il governo italiano ha suggerito all'Austria il cosiddetto “Calendario Operativo”, che alla fine del 1972 ha portato alla ratifica del “Pacchetto Alto Adige” e al secondo statuto autonomo della provincia di Bolzano. Questo nuovo statuto autonomo garantiva all'Alto Adige un'ampia autonomia amministrativa, l'autonomia e il bilinguismo. Tuttavia ci sono voluti altri 20 anni prima che, nel 1922, il “pacchetto” fosse pienamente realizzato. L'Alto Adige è stato in grado di utilizzare la propria autonomia per diventare una delle regioni più ricche, più avanzate ed economicamente più prospere, non solo in Italia, ma in tutta Europa.


L'Alto Adige in cifre e fatti

Sapevate che l'Alto Adige è la più grande area di coltivazione continua di mele di tutta Europa? Che ognuno dei 12 vini premiati italiani proviene dall'Alto Adige e che si trova nella caldera presso Appiano nel lago più caldo delle Alpi?


Per maggiori informazioni leggete qui:

  • L'Alto Adige conta circa 500.000 abitanti.
  • Vi sono tre lingue ufficiali: il 70% della popolazione è madrelingua tedesca, il 25% italiana e il 5% ladina. Il ladino si parla ancora in Val Gardena e in Alta Badia.
  • Con 100.000 abitanti, Bolzano, il capoluogo di provincia, è la città più grande dell'Alto Adige.
  • L'Alto Adige ha una superficie di 7.400 km2 (il 44% della superficie è coperto da foreste).
  • L'Alto Adige ha più di 300 giorni di sole l'anno.
  • I fiumi più importanti dell'Alto Adige sono: l'Adige, l'Isarco e il Rienza
  • L'Alto Adige produce quasi il doppio dell'energia elettrica che consuma.
  • Gran parte dell'energia dell'Alto Adige è prodotta da energia idraulica.
  • Nella più grande area continua di coltivazione di mele d'Europa, ogni anno, sono raccolte circa 950.000 tonnellate di mele.
  • Il 98% dei vini altoatesini hanno il sigillo italiano di approvazione DOC per i vini di qualità. Circa la metà sono vini bianchi e rossi.
  • In Alto Adige è presente la più antica funivia del mondo. La funivia per il trasporto delle persone è stata costruita nel 1908.
  • L'Alto Adige è la più grande area sciistica contigua del mondo – 12 regioni con 1.200 chilometri di piste.
  • In Alto Adige è stata trovata la mummia più antica dei ghiacciai. L'uomo dei ghiacci (“Ötzi") risalente a 5300 anni fa è ospitato all'interno del museo archeologico dell'Alto Adige che si trova a Bolzano.
  • Il più grande altopiano d'Europa è l'Alpe di Siusi (52 km2 = 8.000 campi da calcio).
  • Il lago di Caldaro è il lago più caldo delle Alpi.
  • La libera università di Bolzano è stata la prima università trilingue in Europa. Le lezioni sono tenute in tedesco, italiano e inglese.


Altoatesini famosi

Andreas Hofer:
Altoatesino combattente per la libertà e leader dell'insurrezione tirolese del 1809 contro l'occupazione bavarese e francese della sua terra. Oggi rappresenta un'immagine eroica del Tirolo ed è venerato come un eroe nazionale e popolare.


Luis Trenker:
L'alpinista e regista di Grödner ha innalzato un monumento alle Dolomiti con film come “La montagna chiama” e le ha rese popolari.


Reinhold Messner:
L'altoatesino ha scalato tutti gli ottomila, ha visto lo Yeti, è entrato in politica e, nel suo nativo Alto Adige, ha fondato cinque musei della montagna.


Gustav Thöni:
Campione olimpico, quattro volte campione del mondo e quattro volte vincitore della coppa del mondo – uno degli sciatori di maggior successo di tutti i tempi.


Kastelruther Spatzen:
Fondato nei primi anni '80 a Castelrotto, è il gruppo di musica popolare d maggior successo di tutti i tempi. Gli Spatzen hanno ricevuto per 13 volte il premio ECHO della musica tedesca, mai successo prima.


Ötzi:
Mummia del ghiacciaio di 5300 anni, che si può ammirare nel museo archeologico di Bolzano. È stata trovata nel 1991 sul ghiacciaio della Val Senales.

Questo sito utilizza dei cookies per scopi funzionali e analitici. Per saperne di più si prega di leggere le nostre disposizioni relative ai cookies. Utilizzando questo sito web l'utente dichiara il proprio consenso a tali disposizioni.